DONNA INCINTA SI PENETRA CON UN CAZZO DI CAVALLO

Gli presi il cazzo in direzione, iniziai a segarlo… ero eccitata da impazzire… non riuscivo più a controllarmi e prendendolo in bocca iniziai a prestare il mio primo pompino mentre gli graffiavo i coglioni pieni. Per la prima volta vedevo un fallo maschile. Dopo una settimana Akim traslocava nel nostro abitazione. Piegai il mio busto in avanti, lo abbracciai e lo baciai appassionatamente… cominciai a galoppare sopra il suo ventre. Si stava masturbando e sborrava abbondantemente sulla sua pancia. Cominciammo a leccarci con passione: Finalmente ero diventata la troia del mio patrigno e ogni volta affinché siamo da soli scopiamo come due matti.

Cazzo Enorme Palestrato Con Cerco Enorme Cazzo Cerco Con Palestrato

La mia fica reclamava il adatto piacere… e con la figa già in fiamme mi misi a cavallo del suo forte uccello: Non conoscevo le dimensioni standard ma mi fece conseguenza vederlo e con la attenzione immaginai se davvero sarebbe potuto entrare nella vagina come mi diceva mamma. Nelle notti seguenti continuai a masturbarmi con il mio nuovo dildo pensando al quel cazzo enorme piazzato nella mia figa quasi vergine. Si stava masturbando e sborrava abbondantemente sulla sua pancia. Non avevo mai fatto sesso con nessuno, ma non ero vergine per colpa delle masturbazioni e del mio amato dildo. Cominciammo a leccarci con passione: Stavo approssimativamente arrivando ma volevo un gran finale. Gli presi il accidenti in mano, iniziai a segarlo… ero eccitata da impazzire… non riuscivo più a controllarmi e prendendolo in bocca iniziai a prestare il mio primo pompino mentre gli graffiavo i coglioni pieni.

Lascia un commento

Non ce la facevo più dalla voglia di sentire quel accidenti enorme quindi una sera quando mia mamma lavorava di barbarie, bevetti un bel bicchiere di vino per farmi coraggio e andai nella sua stanza mettendomi lentamente nel sul letto. Diventai rossa come un peperone. Gli presi il cazzo in direzione, iniziai a segarlo… ero eccitata da impazzire… non riuscivo più a controllarmi e prendendolo in bocca iniziai a prestare il mio primo pompino mentre gli graffiavo i coglioni pieni. Per la prima volta vedevo un fallo maschile. Non conoscevo le dimensioni standard ma mi fece effetto vederlo e con la mente immaginai se davvero sarebbe potuto entrare nella vagina come mi diceva mamma. Cominciavo a pensare che stesse male e la curiosità fu troppa e notai che potevo vederlo attraverso la sottile stoffa.

Slavemas Con Cerco Cazzo Enorme Palestrato

359 , 360 , 361 , 362 , 363

Commenti:

2018 © Tutti i diritti riservati.
Designed by Giuseppe Russo